logo dottoressa psicologa antonella bovino

Sostegno alla genitorialità

La genitorialità rappresenta un periodo di cambiamento che richiede non solo un adattamento alla nuova vita "familiare", ma anche un riassestamento della propria identità personale e del ruolo sociale. Questo momento così speciale porta con sé tutta una serie di emozioni e paure che meritano di essere riconosciute ed accolte. La famiglia rappresenta la struttura primaria per la crescita e la sicurezza del bambino e mai come oggi il mestiere del genitore è così difficile. Oggi c'è un bisogno crescente da parte dei genitori di avere degli spazi di riflessione e di aiuto. Non si può essere genitori sempre allo stesso modo perché sarà necessario assolvere impegni differenti e adottare modalità comunicative e interattive diverse secondo l’età dei figli per questo a volte chiedere aiuto può dar tranquillità per affrontare le situazioni che sembrano difficili.

La terapia è uno spazio di ascolto che permette ai genitori di confrontarsi sui dubbi, sulle ansie, sulle difficoltà che spesso incontrano nella quotidiana esperienza di genitorialità e ad individuare, con l’aiuto di un esperto in campo infantile, strategie di gestione educativa.

Il sostegno alla genitorialità rappresenta un importante fattore protettivo per la crescita dei figli e ha l'obiettivo di:

Le sedute di psicoterapia si occuperanno anche delle fasi di cambiamento familiare più importanti e quindi: il diventare genitori, la separazione e il divorzio e l’adolescenza.
genitorialità

Diventare ed essere genitori

Diventare genitori è il più grande cambiamento che ognuno di noi vive perché si riscoprono ruoli completamente diversi che spesso spaventano. L'arrivo di un nuovo membro all'interno della famiglia rappresenta una fase di cambiamento che porterà ad una modifica delle relazioni familiari. Ogni trasformazione non è facile: richiede tempo, lavoro personale, capacità di adattamento. Le paure sono tante, legate allo stato di salute del neonato, alle proprie capacità genitoriali o a quelle del partner. Molti si chiedono se saranno in grado di essere un bravo genitore. Altri se il loro amore di coppia resisterà alle responsabilità ed alle difficoltà familiari. Tutte queste domande e tante altre possono occupare la mente. Rientra nella normalità, e non deve turbare. Stiamo vivendo il più grande cambiamento della nostra vita. E’ necessario che fin dall’inizio la coppia si mostri tranquilla e serena, sia per evitare che la donna cadi in depressione post-partum, sia per evitare che la coppia si allontani a causa di incomprensioni e paure. A volte, però, può capitare di sentirsi invasi da tutto questo, in modo talmente prepotente da non riuscire a gestire da soli il malessere. Se le nostre preoccupazioni compromettono il benessere personale, quello del nostro bambino e quello di coppia, può essere di grande aiuto rivolgersi ad un terapeuta.

Separazione e divorzio

Altra fase in cui i genitori hanno bisogno di sostegno è il momento in cui si separano. La separazione comporta uno stress emotivo per i genitori ma soprattutto per i bambini che spesso si trovano in mezzo al conflitto di coppia, non accettano ciò che sta succedendo e possono assumere atteggiamenti inadeguati o addirittura andare incontro a disturbi infantili. Risulta essenziale, per i genitori, saper gestire questo evento doloroso. Spesso , capita che i partner , troppo presi dal conflitto, non riescono a condividere la genitorialità e questo ricade sul bambino. Un percorso di terapia accompagna i genitori verso una separazione vissuta in modo consapevole e serena e li aiuta a gestire questo evento evitando che ricada negativamente sulla salute psicologica del bambino.

Adolescenza

L’adolescenza è un’altra fase in cui il ruolo dei genitori va rivisitato. Di solito i figli adolescenti si chiudono in se stessi, non dialogano con i genitori, non si sentono compresi e non accettano le regole e ciò porta a grandi conflitti intrafamiliari. E’ proprio in questa fase delicata che bisogna instaurare un buon rapporto con i propri figli per evitare che insorgono disturbi di personalità che portano l’adolescente ad allontanarsi dalla famiglia. Il sentimento prevalente dei genitori è spesso quello di soffrire per il fatto di sentirsi impotenti nell’aiutare il figlio/a a superare le sue difficoltà o nell’alleviare perlomeno le sue sofferenze. Tutto questo può unirsi alla rabbia per la sensazione che sia proprio lo stesso figlio a considerare  inutile, e spesso indesiderata, la loro partecipazione a questo suo percorso.

È importante trovare canali comunicativi con il proprio figlio in modo da farlo sentire compreso e accettato; per questo risulta utile rivolgersi ad un’esperta che supporti i genitori in questa fase delicatissima, in cui vi è la costruzione di un’identità ed in cui si forma la personalità dei ragazzi.


Articoli correlati


disturbi infantili

Disturbi infantili

Tutti i bambini nel corso del loro sviluppo presentano paure e timori di varia natura; si possono considerare tali paure come veri e propri disturbi...


adolescenza

Adolescenza

L’adolescenza è una fase della vita caratterizzata da cambiamenti profondi, sia dal punto di vista fisico che emozionale e comportamentale Questo periodo di transizione...


La dottoressa riceve a Roma
Per un incontro con la Psicologa Antonella Bovino
Richiedi un appuntamento

Contatta la Dottoressa

Il sostegno alla genitorialità può essere, quindi, utile nelle diverse fasi del ciclo vitale (nascita dei figli, crescita, adolescenza e svincolo) ed anche nei casi di separazione e divorzi. Tramite un percorso di psicoterapia rivolto ai genitori si evolve verso nuove forme e definizioni di sé che servono a portare avanti in modo “sano” la crescita dei propri figli e la relazione con loro.